Viaggio in UK: rientro a casa

Giorno dodici – rientro a casa, 30 giugno 2017

Il volo che ci riporterà a Malpensa da Gatwick è a un’ora decente, le tre del pomeriggio, quindi possiamo alzarci e fare colazione con calma.

Siamo riusciti a stipare tutto nelle nostre valigie e zaini, che sono diventati ancora più pesanti: il tragitto dall’hotel alla stazione della metropolitana di Earl’s Court, seppur breve, è un po’ una sofferenza.

Meno male che ora sono presenti molti più ascensori nelle stazioni di Londra e noi ne facciamo un uso smodato.

Dopo tre fermate di metro siamo a Victoria, dove partono i treni per Gatwick. Qui niente lift e ci dobbiamo fare le scale a piedi (Cinzia ha problemi con la scala mobile legati alle vertigini e alla pressione, preferisce evitarle come la peste).

Bisogna attivare le nostre oyster con la tariffa del treno per Gatwick e lo facciamo allo sportello del visitor centre dove la gentilissima (come al solito) addetta mi consiglia, come aveva fatto la sua collega appena attivata la oyster a Londra, di non prendere il costoso Gatwick express (20 pounds) ma un normale treno che ci impiega cinque minuti in più (ma costa 6 pounds).

Così facciamo e in effetti, dato che non abbiamo alcuna fretta, in circa mezz’ora siamo a Gatwick, dove scopriamo al check in automatico (figata!!) che il nostro volo è stato posticipato di un’ora.

Vabbè, Gatwick è grande, ci sono un sacco di negozi; aspettare è un po’ snervante ma non abbiamo scelta. Mangiamo gli ultimi tramezzini, un ultimo caffè e siamo pronti per il rientro a casina.

Sull’aereo i soliti italiani cafoni non ci toccano più di tanto; all’aeroporto di Malpensa di tre bagni per le donne ne funziona uno solo (e non è quello per disabili, che è proprio chiuso a chiave) ma non ci importa; la coda al controllo passaporti è disordinata, all’italiana ma che ci frega; quello che conta, e che ci porteremo ancora dietro per qualche mese, è la bellissima esperienza vissuta e la voglia di tornare al più presto sia a Edimburgo che a Londra.

 

 

Tagged , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.